I supporter della camminata di 24 ore

Riuscire a fare una cosa del genere senza confrontarsi con altri e senza il supporto attivo e non non credo sia proprio semplice. Se è vero che i più ti ritengono un fulminato fuori di testa (come dargli torto ?) e anche vero che un confronto attivo con chiunque ti circondi può portare giovamento. Sicuramente ci sarà chi ti distoglie dal cimentarti nella cosa ma c'è anche chi ti fornirà utili consigli o anche sconsigliarti determinate azioni.

Una delle cose che mi ha aiutato molto è l'avere un amico che si cimenta costantemente nello sport ed ha saputo consigliarmi ad esempio le calzature migliori da utilizzare per la sfida (grazie Luca!). Un altro stimolo può venire dagli amici vicini che magari non solo ti spronano a provare ma vorrebbero anche partecipare attivamente alla follia (grazie FIlippo!) poi subentrano tutta una serie di circostanze per le quali la cosa potrebbe non realizzarsi o non essere così centrale come obiettivo tra le priorità quotidiane e certe cose passano in secondo piano perché se teoricamente è tutto semplice e gestibile come da manuale, nell'atto pratico come tutte le cose un conto è a dirsi un conto è a farsi ma si apprezza sempre il tentativo!

Ovviamente le persone più care della famiglia hanno avuto un ruolo fondamentale nella follia. In questi casi c'è ormai la consapevolezza unita ad un misto di sconforto e arrendevolezza alle mie follie (tranquilli, non sarà l'ultima che combino!) che portano necessariamente a fornire consigli utili ed affrontare situazioni in maniera positiva anche perché se tanto poi mi convinco è finita!
Il supporto arriva anche attivamente da persone che durante il giorno ti danno una mano (grazie babbo!) e che, nel caso succeda qualcosa di spiacevole, potrebbero darti una mano veramente attiva per spostare le cose da un luogo all'altro del campo di gara, andare ad acquistare cose che avrei potuto dimenticare (in realtà avevo roba per un reggimento!).

Un altro aiuto fondamentale è stato dato dalla signorina della parafarmacia (grazie Beatrice!) che mi ha saputo consigliare alcuni prodotti senza i quali probabilmente non ce l'avrei quasi sicuramente fatta.

Tra l'altro 2 dei prodotti dovresti anche trovarli nello shop qualora li volessi acquistare.

Altri aiuti ti arrivano anche dagli amici che non credendoti così fuori di testa (o forse proprio perché sanno che sei così fuori di testa!) vengono a vedere se veramente stai facendo la follia o magari passano lì per caso e si domandano: "ma questo qui che è 2h che cammina su e giu': sta bene ?". C'è anche chi, per fortuna, ti ospita (grazie Moro!) per dormire in un posto comodo per iniziarel l'avventura e chi ti propone la sera prima una bella cenetta sconsigliandoti alcuni cibi (grazie Andrea!) ma tu insisti nella tua visione e poi rischi di pagarne le conseguenza l'indomani ahi ahi!

E tu magari cerchi di spiegare l'allegra follia conscio del fatto che la persona rischia di chiamare il 113 per farti rinchiudere e non avrebbe poi tutti i torti.

Un grazie veramente a tutti quelli che mi hanno saputo dare consigli anche magari inavvertitamente perché spesso in un brain storming che si rispetti la persona che sta completamente al di fuori della questione è quella che spesso trova la soluzione migliore o ti sa dare dei consigli giusti da mettere in pratica quando l'impresa verrà compiuta. Accettare di buon grado critiche e suggerimenti è di sicuro utile in qualunque situazione basta sempre prenderle come un bel regalo che si riceve dall'altra parte perché si sa, se non fossi mai cascato non avresti mai imparato a rialzarsi, quindi grazie a chi ti ha permesso di cadere...speriamo solo di non essersi fatti troppo male cadendo dai, forza! Avanti tutta!!!

Scrivi un commento

Si, acconsento al trattamento dei miei dati in conformità con le norme di legge relative alla Privacy.

Si, voglio rimanere aggiornato sulle novità future ed iscrivermi alla Newsletter.
Potrei disiscriverti quando vorrai

Articoli Correlati

Cosa pensavi mentre camminati per 24 ore ?

Cosa pensavi mentre camminati per 24 ore ?

Questa ed altre domande sono quelle che mi viene posta più spesso forse perché magari si pensa che uno potrebbe annoiarsi a fare qualcosa di ripetitivo. Vediamo insieme i pensieri che avevo durante la 24h del 22 Agosto 2021...

L'obiettivo dell'impresa impossibile

L'obiettivo dell'impresa impossibile

Come tutti i progetti professionali e non c'è sempre un obiettivo da darsi possibilmente da frazionare in piccoli micro obiettivi parzialmente raggiungibili. Sognare d'altronde ci ha portato a telefonare senza fili, figuriamoci camminare......

Il sito utilizza cookie tecnici, statistici e di marketing.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Puoi modificare le tue preferenze dalla nostra cookie policy.

MODIFICA ACCETTA