Il campo di gara

Non sarebbe stato male farlo al mare sul bagnasciuga come quello nell'immagine che rappresenta un bellissimo bagnoasciuta lungomare in Toscana! Purtroppo se la sera e la mattina presto potrebbe essere stato davvero bello non lo ritenevo ideale durante il giorno e con le varie pendenze del caso lo sforzo per una camminata continuativa penso non sarebbe stato ottimale.

Nelle scelte prese in considerazione c'è stato Lugano sia sul lungolago che in alcuni posti interni nei boschi ma la difficoltà sarebbe stata l'assistenza / supporto da parte di qualcuno che mi avrebbe dato una mano ed il bosco rischiava di non essere ideale per garantire una continuità nella camminata.

Ricordiamoci sempre che il mio obiettivo non era fare tanti passi in poco tempo o avere un record sull'ora ma la continuità. Così come lo è stato nella scelta delle scarpe più orientate all'appoggio, alla morbidezza ed alla ventilazione la stessa cosa avrebbe dovuto essere il campo di gara. Inutile pensare di avere tanti saliscendi o gente che mi avrebbe chiesto cosa fai, come mai stai facendo su e giu' come un criceto ? Le mie energie avrebbero dovute tutte concentrarsi sulla continuità delle mia gambe non sulla noia, non sulle persone che mi avrebbero potuto fermare e non sulla fatica di percorrere grandi dislivelli.

L'altra opzione era Badesi, una splendida località a circa 50 km da Porto Torres andando verso Santa Teresa di Gallura dove ho avuto il piacere di tracorrere circa 1 mese di tempo durante l'estate. La tematica da dirimire era il sole perché se il posto avrebbe potuto essere anche pianeggiante il sole era veramente in certi giorni veramente implacabile ed il traffico di persone e macchine avrebbe potuto distrarmi dal mio obiettivo rendendomi molto faticosa l'impresa.

Tanti altri posti ho provato a valutare ma alla fine la mia scelta è ricaduta su 2 step:

  • La prima parte della notte l'avrei trascorso sotto casa dei miei genitori, di fronte al campo sportivo del mio paese di origine. Il vantaggio della scelta era che avrei dovuto fare poca strada dalla casa del mio amico che mi ospitava durante quei giorni di villeggiatura portando quindi per poco tempo 2 zaini pieni di cibarie, vestiti, bevande e tutto quello che avrei pensato potesse servirmi durante tutta la giornata
  • Avendo scelto la domenica come giorno ipotizzavo che ci fosse poca gente durante il giorno ed essendo ancora in periodo di COVID-19 era altamente probabile che anche la sera non ci sarebbe stato molto traffico potendo quindi continuare a camminare durante tutta la notte senza grossi blocchi (l'idea era non fermarsi mai e cercare di tenere un ritmo blando per mantenere le energie durante il giorno e dare il massimo alla fine della giornata...buoni propositi ma poi la cosa è andata un po' diversamente :) ).
  • Al mattino, prima che le persone arrivassero a far colazione domandandosi: "ma chi è questo cretino che fa su e giu' da un'ora ?" attendere il mio supporter (AKA: il mi' babbo!) che avrebbe preso gli zaini che avevo depositato sotto casa sua, mi avrebbe permesso di mangiare e bere per poi spostarsi a circa 12km di distanza al podere
  • Al podere l'idea era arrivare fino a casa per darsi una rinfrescata con un breve tratto all'arrivo di strada sterata, rinfrescarsi, mangiare ed usare il podere come base di appoggio per eventuali fatiche, cambi di abito etc.
    Idealizzavo che la strada asfaltata lì vicino fosse sempre piana ma in realtà era leggermente in salita/discesa e questo cambierà di molto la mia idea di piano!.
    Se infatti la notte con la giusta temperatura camminare in paese è veramente riposante ed aiuta a riflettere, la notte in campagna assume tutto un altro significato e la sfida diventa veramente alta sotto ben altri punti di vista, non solo la fatica di camminare ma anche animali, rumori, auto, luci un andirivieni di domande e dubbi che rischiavano di bloccare l'impresa.

Dopo aver pianificato bene tutte le fasi del campo di gare questa è stata la mia scelta ma non sapevo che nella mia pianificazione non tutto sarebbe andato come previsto infatti durante la camminata...ma questo lo scopriremo in un altro articolo; d'altronde avevi dubbi che ci potessero essere imprevisti ? Io nessuno!

Scrivi un commento

Si, acconsento al trattamento dei miei dati in conformità con le norme di legge relative alla Privacy.

Si, voglio rimanere aggiornato sulle novità future ed iscrivermi alla Newsletter.
Potrei disiscriverti quando vorrai

Articoli Correlati

Cosa pensavi mentre camminati per 24 ore ?

Cosa pensavi mentre camminati per 24 ore ?

Questa ed altre domande sono quelle che mi viene posta più spesso forse perché magari si pensa che uno potrebbe annoiarsi a fare qualcosa di ripetitivo. Vediamo insieme i pensieri che avevo durante la 24h del 22 Agosto 2021...

L'obiettivo dell'impresa impossibile

L'obiettivo dell'impresa impossibile

Come tutti i progetti professionali e non c'è sempre un obiettivo da darsi possibilmente da frazionare in piccoli micro obiettivi parzialmente raggiungibili. Sognare d'altronde ci ha portato a telefonare senza fili, figuriamoci camminare......

Il sito utilizza cookie tecnici, statistici e di marketing.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Puoi modificare le tue preferenze dalla nostra cookie policy.

MODIFICA ACCETTA